Moto epoca 2019

Nella serata del 26 gennaio si sono ritrovati nella sede del motoclub per un incontro, anche conviviale, i piloti del settore epoca. Qualcuno fra una portata e l'altra ha avvisato tutti di aver cambiato moto, qualche altro ha manifestato la volontà di non saltare un appuntamento e tutti hanno parlato dei loro mezzi a riposo nei garage o nelle officine nel tentativo di allungare le gambe dei cavalli a disposizione. Non è mancato in nuovo campione italiano GR 4 Vintage Open Gianni Zanoli, fra gli ospiti il sig. Ranieri da tempo amico e sostenitore del club e Giancarlo Cavina del Comitato regionale. Di tutto rispetto il menù: dagli antipasti attraverso favolose tagliatelle al cinghiale fino al dolce finale inframezzati da un piacevolissimo e ricco pinzimonio. Un ringraziamento agli addetti alla cucina che si sono veramente superati. Grazie.




























Varano 14 aprile

Prima prova del campionato italiano moto epoca. Nonostante qualche defezione la nostra squadra era presente con una quindicina di piloti distribuiti nelle varie classi di gara. Le prove del sabato avevano collocato i nostri nelle primissime posizioni e comunque sempre dentro la top ten. Domenica giove pluvio ci ha messo del suo con una pioggia quasi sempre continua, più o meno intensa e rendendo particolarmente insidioso il tracciato. Iniziamo subito queste brevi  note con la bella vittoria di Maurizio Balzani nella vintage open. In testa fin dalla prima curva, ha guidato sul bagnato con grande perizia e determinazione distanziando progressivamente tutti gli avversari e tagliando il traguardo con grande margine. Bravissimo. Buona, nella stessa gara, Maurizio Balzanianche la prova di Fabio Michelet  che, con unna guida accorta e sicura portava la sua bella Bimota al nono posto finale. Complimenti. Sempre in tema di Gr 4 nella vintage mini classe 125 sp i nostri Fabio Venturi , Gilera 125 e Roberto Bolognesi , Cagiva Mito 125, neo acquisto del Gr4, hanno concluso la loro prova con un 7° e un dodicesimo posto finale. Su un tracciato ancora parzialmente umido, Roberto, al verde del semaforo, ha superato le iniziali perplessità, ha guidato con sicurezza portando a termine una gara assolutamente dignitosa. Nel GR 4 B che univa vintage maxi e Guzzi abbiamo assistito alla bella performance di Vittorio Giunchi che sotto una pioggia battente ha portato la sua Honda fino al terzo gradino del podio portandosi a casa una meritatissima coppa. Nella Classic Guzzi un bravo Sergio Pasin   realizzava un ottimo quinto tempo nel giro di riferimento che poi, probabilmente per la nube d’acqua che le moto alzavano rendendo problematica la visione, non riusciva più ad avvicinare e concludeva con un buon nono posto. Passando al gruppo 5 Alan Vitali nella Old Open Cup Under ha evidenziato una bella ed incisiva capacità di guida che gli ha consentito di salire sul terzo gradino del podio. Risultato non facile da raggiungere sia per le condizioni del tracciato sia perché la gara accorpava anche la 600 SS e la SBK 92. In quest’ultima classe un ottimo Max Simani, pilota veloce e di grande esperienza, saliva sul terzo gradino del podio in una gara dove si confrontavano le moto più potenti. Sfortunato Italo Gregorini che, problemi alle valvole della sua Yamaha nel corso delle prove, costringevano a ritornare a casa, a Misano Adriatico, per consumare gran parte della notte a sostituire il motore, ritornare in mattinata a Varano, cambiare gomme ed assetto moto vista la pioggia e prendere il via. Purtroppo tanta determinazione e voglia di gareggiare non sono state premiate: una innocua scivolata nelle primissime fasi metteva fine alla sua gara. Crediamo che la fortuna gli sia debitrice. Nella mini endurance Guzzi, vera novità di questa stagione, il nostro Daniele Sasselli appena salito su questa 850 in formato Guareschi e che segna il ritorno in pista della moto Guzzi, ha staccato il quinto tempo in prova. Bel risultato anche se non coronato dal passaggio sotto la bandiera a scacchi. Molto belle e semplici queste moto Guzzi cui qualcuno rimproverava una certa povertà di cavalli ma, visti i tempi che qualcuno ha realizzato, devono essere cavalli con le gambe lunghe. Nella foto Maurizio Balzani sul primo gradino del podio. Un arrivederci a tutti a Vallelunga.

Imola: rievocazione 200 miglia 3/4/5 maggio

Sante Gianesi, Vittorio Giunghi ed Enzo Moretti sono stati della partita. Presenti in autodromo fin dal giovedì hanno preso il via nei due turni del venerdì e del sabato. Uno dietro l’altro Sante e Vittorio hanno girato bene, veloci, precisi nelle traiettorie, sicuri nelle staccate fino a quando l’ingranaggio della terza marcia della Ducati 450 di Sante non rendeva l’anima. Fine dei giochi, rammarico per una amichevole sfida finita anzitempo, contenti per la bella prova sostenuta. Complimenti dal vostro moto club.

 

CIVS 2019

Leccio - Reggello 11/12 maggio

Prima prova del CIVS 2019 e il nostro Alberto Bricchi, nonostante la pioggia annunciata per tutto il week end di gara era fra i partenti nella Crono climber con la sua Ducati. Le prove avevano confermato che il range dei tempi di Alberto era fra 1.44 e 1.50. Purtroppo nella salita di riferimento, causa un concorrente che, scivolando, aveva spostato una balla di paglia facendola finire sul tracciato, era stata esposta la bandiera gialla. Alberto quasi si ferma, passa oltre ma con il ritmo interrotto perde circa 9 secondi. Nella concitazione del momento non si è ricordato che, in casi come questo è possibile, regolamento alla mano, ripetere la partenza. Una dimenticanza pagata cara poi in gara quando i suoi tempi erano di gran lunga inferiori al riferimento. Visti i crono degli avversari la vittoria poteva senza dubbio essere sua invece un quinto ed un settimo di manches.  Non avendo potuto partecipare al doppio programma di Spoleto le speranze di titolo sono al lumicino ma l’importante è continuare a divertirsi e a fare bene nelle prove restanti. Bravo Alberto.

Isola del Liri 30 giugno
Ancora una ottima performance del nostro Alberto Bricchi di nuovo in sella alla sua Suzuki 750. Nel GR 4 classe Vintage 1000 si classificava secondo nella prima salita e quarto nella seconda con qualche dubbio sul tempo gara (probabilmente terzo). Alla fine comunque un ottimo terzo posto finale. Da rilevare il suo tempo di riferimento: 1.48.16 che oltre ad essere il migliore della sua classe di gara è risultato anche migliore di tutto il gruppo 4 Open compresa. Anche nel gruppo 5 sarebbe stato di assoluto rilievo. Alberto ha saputo condurre il suo vetusto Suzuki 750 con un telaio di pesante ferro lungo la difficile salita ad un limite oltre il quale sarebbe stato quasi impossibile spingersi. Un saluto da tutti gli appassionati del club ed un in bocca al lupo per Monzuno.

Monzuno 14 luglio
A podio sconfiggendo anche la sfortuna. Questo potrebbe essere il succo di quanto accaduto ad Alberto Bricchi nella salita monzunese. Dopo un turno di libere con un crono di 2.17 si accorge di essere lungo di rapporti. Una corsa a casa alla ricerca di una introvabile corona. Ritorno sul campo di gara per un altro turno di libere e rottura della leva del cambio; tutta la salita in seconda marcia. Affannosa icerca fra i piloti presenti del ricambio e dalla cassa ricambi di un buon samaritano (un grazie al sig. Petrocchi) il rimedio al problema. Pur senza aver preso parte alle prove ufficiali i cronometristi, in base a cabalistici calcoli, gli assegnano un 2.26 consentendogli di prendere parte alla gara che onora con ben nove penalità. Troppo veloce ma comunque terzo classificato. Nella seconda salita vuole essere più lento in questo aiutato anche dalla pioggia. Secondo classificato e terzo nella generale. Una domenica da dimenticare o da ricordare? Ai nostri quattro lettori la scelta. Della partita anche il bravo e simpatico Sergio Pasin che alterna gare in salita e meeting epoca. Guidando  con perizia e attenzione ha portato la sua Guzzi 1000 fino al secondo posto finale. Citiamo poi anche la bella prova di Stefano Servadei che nella classe 2 Strokes ha conquistato un secondo e un primo posto di manches. Complimenti dal vostro moto club.

Gragnana - Varliano 4 agosto
Nella classe Vintage GR 4 sono stati della partita i nostri Alberto Bricchi che porta in gara la sua vetusta (anche si parla di moto d'epoca) e pesante Suzuki 750 e Sergio Pasin con la sua potente Guzzi 1000. Il primo spicca sempre tempi ottimi in prova; questa volta è stato secondo dietro solo ad un pilota locale che ovviamente conosceva il percorso a menadito, poi in gara, con una migliore conoscenza del tracciato, è spesso più veloce e allora giù penalità. In seconda manche, tentando di avvicinare il tempo di riferimento, rallenta, o crede di farlo, il passo di gara e sono sempre penalità. In sostanza il risultato finale è stato un quarto posto frutto di un quinto e un quarto di manches. Non sarebbe il caso di pensare al gruppo 5? Nella generale è secondo in classifica pur con alcune gare cui non ha partecipato. Più in linea con lo spirito della tipologia di gara è Sergio Pasin che è riuscito, dopo essere stato terzo nelle prima manche, ad essere vicinissimo al suo tempo di riferimento nella seconda manches dove ha colto un brillante primo posto. Complimenti vivissimi dal vostro moto club.

Saline - Volterra 6 settembre
GR 4 Classe Vintage. Ancora ottimi risultati in questa salita per i nostri Alberto Bricchi e Sergio Pasin; Alberto ha condotto la sua Suzuki 750 al secondo posto finale dopo essere stato due volte secondo nelle due manches mentre Sergio, attivo anche nei meeting in pista, ha conseguito un terzo posto finale frutto di due terzi di manches. Manca una sola prova alla fine di questo campionato 2019 e la classifica finale appare ancora aperta per conseguire un posto nel podio finale nonostante Alberto abbia disertato due gare di questa classe e Sergio abbia scoperto il piacere della salita solo da due gare. Le gare in salita sono brevi ma l'impegno a parteciparvi è assolutamente notevole; il vostro moto club vi ringrazia per aver portato in alto i colori del vostro moto club.

Passo dello Spino 22 settembre
Ultimo appuntamento e gare sotto la pioggia a tratti molto forte e che ha convinto alcuni a desistere. Questa volta della partita anche Vittorio Giunchi che, dopo buoni turni di prove considerando che era alla sua prima esperienza, ha poi rinunciato a prendere il via. Gara decisiva per il secondo e terzo posto nella classifica finale per i nostri Alberto Bricchi e Sergio Pasin. Alberto aveva segnato il miglior tempo assoluto di categoria ma la gara si presentava particolarmente insidiosa per le condizioni del tracciato. Se Sergio Pasin rinunciava alla partenza il secondo posto era assicurato, in caso contrario con ogni probabilità Sergio lo avrebbe relegato al terzo posto. Così è iniziata una piccola battaglia psicologica per capire le intenzioni di partenza. Alla fine hanno optato di soprassedere e mantenere le posizioni acquisite. Quindi Pasin terzo e Bricchi secondo nella classifica finale della classe Vintage. Alberto è poi stato anche quindicesimo  nella Crono climber classe 1000 super open con una sola gara all'attivo. Ottima prestazione in questa gara anche per Stefano Servadei primo e secondo di manches nella classe 2 tempi. Un primo e un secondo posto di manches anche per Mirko Balzani finito poi al settimo posto nella classifica generale. A tutti i complimenti del vostro moto club per le belle prestazioni.

Vallelunga 18/19 maggio

Anche questo è stato un week end di gare bagnato dalla pioggia che, se ha lasciato qualche spazio di asciutto nei turni di prova, non ha dato tregua la domenica; solo la mini endurance Guzzi ha gareggiato su pista asciutta. Partendo dal GR 5, Rocco Tedesco, che partiva dalla settima piazza dopo aver disputato un solo turno di prova, non sceglieva la gomma giusta per la gara ed era costretto al ritiro.  Nella SBK 92 con SS 600 e Old Open Cup Diego Sciarrillo coglieva un bel nono tempo in prova; purtroppo una scivolata procurava danni alla moto non riparabili sul posto per cui era costretto ad abbandonare fin dal sabato. Più prudenti in prova Max Simani e Italo Gregorini; quest’ultimo, forse confidando troppo sulla buona scelta delle gomme, finiva per scivolare e compromettere la gara. Nel GR 4 125 SP  Fabio Venturi era quinto in griglia con Bolognesi nelle retrovie. Gara disputata sotto pioggia battente con Venturi costretto al ritiro mentre il bravo Bolognesi si classificava al quarto posto. Bravo. Nella classe 2 Strokes i nostri  Venturi e Lombardi erano rispettivamente decimo e undicesimo in griglia. Per Lombardi una posizione di tutto rispetto visto che, in velocità pura, forse per problemi di messa a punto, aveva la moto meno veloce tanto da concedere ai mezzi più performanti un gap di oltre 40 KMH. Viste la pioggia battente e non avendo a disposizione coperture adeguate decidevano di non prendere la partenza. Nella Vintage Guzzi il bravo Sergio Pasin, dopo essere scivolato in prova, si riscattava in gara con un bel ottavo posto finale. Nella Vintage Maxi Vittorio Giunchi, sotto una pioggia battente, forniva una prova maiuscola classificandosi al quarto posto di classe lasciando indietro moto di ben altra cubatura. Nella Vintage Open grande performance dei nostri in prova: Balzani, Zanoli, Marconi sono in prima fila in griglia con Aldo Ghezzo tredicesimo, Grossi sedicesimo con una Cagiva mono, e nelle retrovie Franco Redio con la sua BMW 1000 con motore a sogliola. Acqua a catinelle per la gara; il solo a prendere il via Maurizio Balzani costretto poi ad una sosta ai box per rimediare al tendicatena allentato. Ripartito con quasi due giri di ritardo si classificherà  al quattordicesimo posto. Dopo due meeting bagnati speriamo che il sole accolga i piloti a Magione. Infine un ringraziamento a tutti coloro che hanno aiutato Giorgio e Mirco nel far funzionare nel migliore modo possibile la nostra molto frequentata hospitality.

Nalles 25/26 maggio
Seguendo le orme del prematuramente scomparso Gianfranco Antimi grande estimatore di questa gara di regolarità in salita i nostri Luca Burioli, Gabriele Ravaglia, e Andrea Bondini seguiti dall'amico Marcello Fenu alla guida della Aermacchi 250 che fu di Gianfranco Antimi, sono stati sicuri protagonisti di questa manifesrazione che riesce a coinvolgere l'intera comunità di Nalles che li ha accolti come amici di lunga data. Dopo aver svolto tutte le operazioni preliminari hanno preso parte ai festeggiamenti che la città riserva a tutti i piloti partecipanti. La gara consiste in due manches dove la prima funge da tempo di riferimento per la seconda. Divisi in base all'età della moto (dal 1966 - 1975) e per cilindrata 350 cc (Burioli, Bondini e Fenu) e oltre 350 (Ravaglia) hanno guidato bene lungo il selettivo percorso ottenendoo piazzamenti tutto rispetto tenendo conto dei quasi 320 partenti. Nella classifica finale di classe Luca Burioli, Benelli 250, è stato 6°, Marcello Fenu, Aermacchi 250, 15° su 55 partenti, Gabriele Ravaglia, Honda 400, 9° su 75 partenti. Sfortunato Andrea Bondini costretto al ritiro per noie meccaniche. Nella generale ventesimo Burioli, trentottesimo Ravaglia, ottantanovesimo Fenu. Un grazie a tutti dal vostro moto club.

Magione 23 giugno; terza prova campionato italiano epoca
Ancora un week emd di vittorie e piazzamentiper la nostra squadra corse. Nel GR 5 classe Open 2T  i nostri Alberto Peruzzi e Rocco Tedesco hanno occupato il secondo e terzo gradino del podio dopo che in prova, che vedeva anche le classi TT 2 temp e Italian 2 tempi,erano stati sesto e dodicesimo. Il Tordi sugli scudi anche nel gruppo 4. Vittoria di Fabio Venturi e della sua Gilera SP 125 nella Vintage mini con Roberto Bolognasi ottimo nono.. Vittoria, quella di Fabio arrivata dopo una lotta durata tutta la gara con due rivali che nulla hanno concesso. Nella classe 2 Strokes Enrico Lombardi terminava con un insoddisfacente sesto posto finale; nelle ultime tornate la moto accusava una diminuzione di prestazioni, peraltro già manifestatasi in prova,  senza di cui si poteva aspirare al podio. Nono posto per Fabio Venturi con una Suzuki non perfettamente a punto. Nella Vintage Maxi Vittorio Giunchi, rallentato per oltre due giri da un avversario che esibiva una guida un tantino garibaldina, finiva dodicesimo e perdeva in questo modo la leaderschip nella generale. Ha tutto il tempo per recuperare. Nella stessa gara Sergio Pasin, nostro portacolori nella Vintage Guzzi, rimaneva intruppato nel gruppone nelle fasi iniziali e solo dopo metà gara riusciva a guidare con la necessaria fluidità e velocità ma ormai i posti alti della classifica erano di altri. Nella Vintage Open i risultati delle prove (3° Balzani, 4° Zanoli, 9° Marconi, 13° Ghezzo) lasciavano intendere una gara di vertice sia nel passaggio sotto la bandiera a scacchi sia sul piano della regolarità. Buona la partenza per tutti con Maurizio Balzani impegnato nell'inseguimento della Moto Guzzi di Guareschi superato il quale faceva suo il secondo posto facendo capire ad un agguerritissimo Guareschi che doveva accontentarsi di stare dietro anche sotto la bandiera a scacchi. Guareschi sarà primo nella classifica regolarità ma grande soddisfazione per Maurizio che si è lasciato dietro un pilota del quel calibro. Gianni Zanoli, che portava in gara una R 6 con ancora qualche buco di carburazione difendeva un bel quinto posto con Marconi buon ottavo sotto la bandiera a scacchi, mentre Aldo Ghezzo all'uscita del tornantino sentiva la sua moto perdere bruscamente aderenza con subitanea brutta imbarcata che facendo pensare ad una foratura lo consigliava di rientrare ai box per una verifica. La classifica regolaritadirà Balzani cecondo, Zanoli sesto, ottavo Marconi. Nella Moto Guzzi Fast endurance buon sesto posto per Daniele Sasselli e del team World Club. A tutti i complimenti vivissimi del vostro moto club.

Adria 31/01 settembre; quarta prova campionato italiano epoca
Iniziamo queste brevi note con il GR 5 R che comprendeva la Open 2 T, la Italian GP, e il TT 2 tempi. Nella Open 2 T Rocco Tedesco, settimo in prova e Alberto Peruzzi quattordicesimo, ha concluso la sua gara con un ottimo terzo posto con Peruzzi buon sesto. Visto i valori in campo una gara notevole. Nella Old open Cup, gara che comprendeva piloti della SBK 92, e della 600 SS, Alan Vitali portava la sua Honda al terzo posto finale dopo una gara tiratissima. Non è partito invece Italo Gregorini, ottimo driver della SBK 92, per problemi elettrici alla sua Yamaha. Nel GR 4 Vintage Mini bella prestazione di Claudio Zanelli settimo in gara (con molte 250 CC) e terzo nella classifica specifica. Nella 125 SP Bolognesi ed Evangelisti hanno fatto una bella gara con rispettivamente un tredicesimo ed un nono posto di gara. Nella classifica regolarità Bolognesi portava la sua Cagiva in questa gara non bene a punto all'ottavo posto con Evangelisti nono ed autore del giro perfetto. Sfortunato Stefano Cassani che non riusciva a prendere la partenza. Nella classe 2 Strokes bella gara di Fabio Venturi che, dopo il quinto tempo in prova, portava la sua Suzuki al quarto posto in gara mentre finiva secondo nella classifica di specialità. Nella Vintage Maxi  Vittorio Giunchi ha incontrato qualche difficoltà nel superare un paio di doppiati, ha perso molto tempo compromettendo la sua gara, iniziata sotto ottimi auspici, e finendo ottavo.  Un ottavo posto pure per Sergio Pasin autore di una gara regolare nella Vintage  Guzzi. Passando alla classe Open dove erano impegnati i nostri Balzani, Zanoli, Marconi, Servadei, Michelet che hanno concluso i turni di prove ai vertici della categoria con i primi tre che andavano ad occupare il secondo, terzo e quarto posto in grigli con Servadei e Michelet nelle immediate retrovie. Dimentichi della regolarità, la gara dei nostri si è trasformata in velocità pura. Una bella gara, veloce, tirata, con staccate e accelerazioni da manuale. La gara si è conclusa con Zanoli al secondo posto (Yamaha R6), Marconi terzo (Yamaha 600) e quarto Balzani pure su Yamaha con Servadei e Michelet poco più indietro. Questa la gara ma nella classifica penalità Zanoli è sesto, Servadei ottavo, nono Marconi, quindicesimo Balzani e diciannovesimo Michelet. Crediamo tuttavia che a questi nostri piloti della regolarità importi ben poco. In ogni caso una gara veramente appassionante per tutti: piloti e spettatori. Nella Fast Endurance Daniele Sasselli ha portato la Guzzi 851 del Racing team al quarto posto finale. A tutti i piloti i complimenti del vostro moto club.