I nostri piloti impegnati in Superstock 1000 - Stagione 2009

Gianluca Capitini e Michele Magnoni (Team RCGM - Yamaha), Luca Verdini (Honda)

19 aprile - Misano

La pioggia è stata la vera protagonista della prima del CIV. Il meteo aveva promesso pioggia ma Michele era pronto anche a questa evenienza, infatti fin dalle libere eravamo nelle posizioni di vertice nel tentativo di trovare la migliore messa a punto della moto. siamo quarti nel primo turno delle libere, in qualifica 1 stacchiamo il nono tempo con un crono di 1.39.888  a 1.147 dal vertice. Al decimo posto nel secondo turno delle libere, stacchiamo il sesto tempo in qualifica 2 con un crono di 1.39.266 a 1.057 dalla pole di Cruciani su Ducati. Per motivi di sicurezza la gara non partirà visto che i piloti hanno ritenuto, causa la pioggia, impraticabile il tracciato.
3 maggio – Monza
Assente Michele Magnoni nella Stock 1000 i nostri colori erano difesi da Luca Verdini su Honda. Per Luca la stagione non era iniziata bene, infatti nonostante il suo indubbio valore non era riuscito a trovare una valida collocazione e per qualche tempo si pensava che avrebbe saltato la stagione. Poi la situazione è migliorata e non dovrebbe avere più intoppi fino alla fine della stagione almeno per quel che concerne il CIV. Decimo posto in qualifica 1 con un tempo di 1.50.642 a 2.344 dalla pole di Colucci su una Ducati molto performante. In qualifica 2 miglioriamo di oltre 3 decimi e siamo al settimo posto a circa 1.4 sempre dalla pole di Colucci. In una pista veloce e lunga come Monza e con poco allenamento alle spalle è sicuramente un successo. In gara il passo dei migliori non riusciamo a tenerlo ma controlliamo agevolmente Russo e Seaton che ci finiscono alle spalle. Tagliamo il traguardo in quinta posizione con un distacco di poco superiore agli otto secondi. Bravo Luca.
7 giugno - Vallelunga
Per i nostri Michele Magnoni e Luca Verdini una domenica di gare tutto sommato positiva. In qualifica 1 Michele staccava l’ottavo tempo con la Yamaha preparata dal team Bevilacqua e Luca il sedicesimo con tempi rispettivamente di 1.40.813 e 1.41.499. In qualifica 2 leggero miglioramento per Michele, 1.40.706 mentre non riusciva a migliorarsi Luca. In griglia un terzo posto in terza fila per Michele e un quarto posto in quarta fila per Luca. Buona la partenza in gara per Michele che transitava decimo al primo giro per agguantare poi il settimo posto al secondo giro e mantenere la posizione fino al settimo per passare poi al sesto all’ottavo giro. Al nono giro ritorniamo settimi e per un gap di prestazioni nel finale perdiamo due posizioni e tagliamo il traguardo al nono posto. Partenza non esaltante per Luca che al passaggio del primo giro mantiene la posizione acquisita in griglia, al secondo passaggio siamo dodicesimi, al quinto giro conquistiamo l’undicesima posizione che manteniamo fino al dodicesimo giro ma commettiamo un piccolo errore che ci costa una posizione. Alla fine portiamo la Yamaha del team RCGM in dodicesima posizione.
12 luglio - Mugello
Fin dalle prove era emerso che Michele Magnoni era in gran forma e la sua moto decisamente a punto mentre Luca Verdini denunciava problemi di assetto tali da compromettere un risultato di vertice. Nelle libere Michele faceva segnare il quinto tempo mentre Luca, con problemi di assetto faceva suo il ventisettesimo tempo diventato ventesimo nelle libere 2. Nell’unico turno buono di qualifica Michele segnava il quinto tempo con 1.55.145 a soli 0.690 dalla pole di Cruciali. Luca staccava il diciottesimo tempo con 1.57.229 a 2.771 dalla pole. In gara Michele occuperà quasi costantemente la quinta posizione, al nono giro perdiamo una posizione ma alla fine abbiamo ragione di un avversario ostico come Sirch e concludiamo al quinto posto. La gara di Luca è stata invece tutta in rimonta: dal diciottesimo posto del primo giro all’undicesimo del penultimo giro. Sembrava fatta invece con un guizzo Baroni ci soffia la posizione e finiamo dodicesimi sotto la bandiera a scacchi. A fine gara Luca ha manifestato il proposito di ritirarsi dalle competizioni. Capiamo la delusione per la gara ma speriamo che ci ripensi
23 agosto - Misano
Il cambio di team ha messo le ali a Michele che nella gara di recupero ha colto un brillante terzo posto dopo aver lottato per tutta la gara con il compagno di marca Petrucci finito secondo alle spalle della imbattibile Ducati di Cruciali. Nella gara del 23 agosto Michele segnava il terzo tempo nel secondo turno di libere e il settimo tempo con un significativo 1.39.369 nel primo turno di qualifiche. Suo il settimo posto in griglia e partenza dalla seconda fila. Dopo tre giri gara ferma per olio in pista e nuova partenza per una gara di soli 10 giri. Il nuovo via toglie un po’ di concentrazione per la quasi certa vittoria delle Ducati che lasciano le altre marche a lottare solo per il terzo gradino del podio. Alla fine concludiamo al quinto posto guadagnando il quarto posto in classifica generale. 1° Cruciali p. 100, 2° Petrucci p. 81, 3° Colucci p. 78, 4° Magnoni p. 45, 5° Russo p. 41.
11 ottobre - Mugelo
In grande spolvero i nostri piloti in questa ultima prova di campionato italiano Superstock: oltre all'ottimo secondo posto di Michele Magnoni che faceva suo anche il giro più veloce della gara in 1.54.935, dobbiamo registrare il decimo posto finale di Luca Verdini. Visto il passo di gara, Luca poteva sperare in una classifica migliore se problemi in prova non lo avessero relegato in ventiquattresima posizione in griglia.


Note della stagione 2008

 

20 aprile - Mugello Prima Prova
Il più veloce nelle prove libere, autore della pole con nuovo record con 1.54.896 che abbassa di circa un secondo quello da lui stesso stabilito nella passata stagione, vincitore senza storia della gara. Un vero e proprio "veni vidi vici" che risponde al nome di Michele Pirro. I colori del Paolo Tordi sono tenuti alti anche da Fabrizio Pellizzon Che coglie un ottimo quarto posto, da Luca Verdini buon quinto, da Michele Magnoni ottimo sesto e da Simone Sancioni che porta a termine una gara che non lo ha mai visto nel gruppo di testa. Certamente Simone sta pagando l'apprendistato in una nuova classe di gara e il difficile affiatamento con una moto totalmente nuova per lui. Il primo turno di prove, con pista umida, aveva fatto emergere il manico di Fabrizio Pellizzon (1.59.354)con Pirro terzo (1.59.991), Magnoni tredicesimo e Sancioni diciottesimo. Il secondo turno si concludeva con ben quattro nostri piloti nelle prime sette posizioni:  Pirro (1.54.896), Verdini (1.55.776), Magnoni quinto (1.56.178), Pellizzon settimo (1.56.386). Simone Sancioni, le cui prove hanno messo in luce qualche problema che speriamo si risova al più presto, partirà molto indietro in griglia. Il warm-up ci dà ancora un Pitto primo, Pellizzon terzo, Verdini ottavo, Magnoni decimo e Sancioni ventottesimo, un parziale recupero che lascia un qualche ottimismo per la gara. Al semaforo Michele scatta per primo trascinandosi dietro Verdini e, a seguire turri i migliori. Al primo passaggio Michele ha già un certo vantaggio sugli inseguitori che, non si fatica ad intuirlo, potranno battersi solo per le posizioni più basse del podio. Al quinto giro il vantaggio è consolidato e si tratta solo di mantenerlo. La lotta per il podio che si conduce con frequentissimi cambi di posizione ha fra i suoi protagonisto Fabrizio Pellizzon mentre Verdini e Magnoni restano poco più attardati. La bandiera a scacchi saluta vincitore Pirro mentre a Pellizzon sfugge l'ultimo posto del podio.

4 maggio - Monza
Tutti i turni di prova e il warm up parlano la lingua di Michele Pirro e nell'insieme sono i colori del Paolo Tordi ad emergere sopra tutti. Il primo turno di prove vede primo Pirro 1.48.928, secondo Magnoni 1.49.583, sesto Pellizzon 1.50.145, nono Verdini 1.50.519 e Sancioni ventinovesimo. Il secondo turno vede Michele ancora primo 1.48.966, Pellizzon al quarto posto, Magnoni la quinto e Verdini al settimo e tutti nello spazio di poco più di un decimo. Il warm up registra il primo posto per Michele, il quarto di Luca, il sesto di Fabrizio il settimo del giovane Michele e il ventesimo di Simone. La gara ha tenuto il pubblico con il fiato sospeso fino alla bandiera a scacchi dove Michele Pirro è transitato secondo a 0.036 millesimi. La tattica di Michele era quella giusta, andare via subuito e fare il vuoto, purtroppo Monza non si addice in pieno  per attuare questa strategia tanto più quando le prestazioni delle moto sono simili e i lunghi rettilinei aiutano molto per il gioco delle scie. La netta inpressione era che Michele fosse più veloce del suo avversario, ma nel tentativo di evitare la scia nel rettifilo entrava troppo veloce in parabolica, perdeva tempo e si giocava la vittoria per un unico errore. Dietro Magnoni riusciva a superare Pellizzon un po' in crisi con le Dunlop che equipaggiano la sua Kawasaki e si classificavano rispettivamente terzo e quarto a poco più di sei secondi. L'ottimo Luca Verdini, che migliora gara dopo gara, si è dovuto arrendere all'ottavo giro per noie ai freni. Peccato. Ventiduesimo posto per Simone Sancioni la cui Honda non vuole proprio saperne di mettersi a girare come si deve.
25 maggio - Vallelunga
Michele Pirro è il nuovo re di Vallelunga. Ha praticamente dominato nelle libere, con il solo intermezzo di Michele Magnoni, e nei due turni delle ufficiali. Con un tempo di 1.39.261 oltre alla pole anche il nuovo record della pista, battuto di oltre un secondo che tra l'altro già gli apparteneva. La gara sarebbe stata molto combattuta visto che dieci piloti erano in un secondo. Ottime le prove di Michele Magnoni e di Fabrizio Pellizzon che staccavano alla fine delle ufficiali rispettivamente un 1.39.878 e un 1.40.285. Più indietro l'ottimo Verdini che staccava un bel 1.1.40.616 mentre Simone Sancioni, sempre alle prese con la sua Honda che non vuol saperne di mettersi in riga, staccava un modesto 1.43.461 decisamente lontano dai primi. Cosa non gira per il verso giusto? Le gomme, il motore, le sospensioni, oppure un mix di questi elementi che non ci consentono risultati migliori. Per ora il bandolo della matassa sembra duro da sciogliere, noi comunque abbiamo sempre fiducia nelle ottime capacità di guida di Simone. Partito dalla pole Michele ha bruciato tutti in partenza portandosi al comando e allungando progressivamente. Bella la gara di Magnoni e di Pellizzon sempre in bagarre con gli avversari e all'inseguimento di Michele che comunque incrementa sempre il vantaggio fino a portarlo ad oltre sette secondi. A metà gara i giochi per il podio sono praticamente finiti con Michele Magnoni e Fabrizio Pellizzon impegnati, con altri due piloti ad agguantare un onorevole quarto posto. Frequenti sono gli scambi di posizione, dura la lotta da cui emergono Fabrizio e la sua Kawasaki che dal nono giro iniziano a tenere un ritmo tale da conquistare la quarta piazza. Purtroppo all'ultimo giro una scivolata lo mette fuori causa per i punti pesanti della classifica. Riesce a ripartire guadagnando un quattordicesimo posto finale. Magnoni invece concludeva al sesto posto a poco più di undici secondi da Michele Pirro. Sfortunati Verdini e Sancioni costretti al ritiro. Michele Pirro, ad ulteriore dimostrazione del tittolo regale attribuitogli, prendeva parte anche alle prove e alla gara della 600 Super Sport in sostituzione di  Massimo Roccoli. Per gli avversari è subito sera: nelle prove libere è in testa al primo turno, distaccato di soli 0.094 nel secondo turno, pole e nuovo record sul giro nelle ufficiali con 1.40.742. Una bella dimostrazione di forza e determinazione che tuttavia non riesce a concretizzare in gara per un banale spegnimento del motore al curvone che gli fa perdere tempo e contatto con i primi. Riprende intorno all'undicesima posizione, è in recupero quando una caduta di un pilota fa arrestare la corsa. Nuova partenza con i primi impegnati in un gioco tattico visto che la classifica sarà aggregata. In questa situazione Michele Pirro è l'unico a non dover tenere conto di alcuna strategia. Il suo è un recupero da manuale che gli vale il terzo posto di manches ed un ottavo finale. Poteva andare anche meglio, ma un occhio alla classifica della Superstock Michele lo ha dato certamente.
27 luglio Misano
Il primo turno di prove ufficiali vede svettare al primo posto Michele Pirro, seguito al terzo da Michele Magnoni, al settimo da Luca Verdini, al dodicesimo da Simone Sancioni e al tredicesimo dal sempre veloce Fabrizio Pellizzon nonostante la sua Kawasaki non sia tra le moto più performanti per puntare ai piani alti della classifica. Il secodo turno delle ufficiali vedeva svettare ancora Michele Pirro che, con uno splendido 1.38.855 pareva già ipotegare la gara. Molto interessanti anche le prestazioni degli altri piloti del Tordi: sesto Verdini con 1.40.031, ottavo Magnoni con 1.40.088, dodicesimo Fabrizio Pellizzon con 1.40.900 e al quattordicesimo posto Simone Sancioni con un interessante 1.41.00. Anche il warm up parla la lingua di Pirro e della sua Yamaha. I tempi fatti registrare in prova sono stati mediamente più bassi della gara mondiale forse per la libertà nella scelta delle gomme. In gara Michele Pirro parte a razzo ma non riesce a fare il vuoto, Giuliano lo attacca ripetutamente, va in testa e costringe Michele sulla difensiva. Nonostante abbia guidato al limite la Yamaha del team Lorenzini si è dovuto accontentare del secondo posto. Siamo ancora primi in classifica ma Giuliano è vicinissimo, dobbiamo stare attenti a non commettere errori e sperare che il team riesca, colmando il piccolo gap tecnico, a dare a Michele la moto per tornare sul gradino più alto del podio. Molto interessante anche la gara di Michele Magnoni che, pur non avendo il passo gara dei primi due, ha dimostrato di poter puntare sempre ai piani alti della classifica; un quinto posto dietro alle Ducati dell'esperto Cruciani  e del veloce Polita è un risultato di tutto rispetto. Oltre tutte le attese la gara di Luca Verdini che si lanciava in un caparbio quanto generoso inseguimento per rimediare ad una partenza al rallentatore. Luca ha dimostrato nel frangente di essere un gran manico e di saper portare al limite la Yamaha preparata ottimamente da team RCGM di Giorgio Ranieri. Un sesto posto finale, do